Il campionato europeo di calcio è uno degli eventi sportivi più seguiti al mondo. Ogni quattro anni, le migliori nazionali europee, ovvero quelle che riescono a superare con successo la fase di qualificazione al torneo, partecipano al campionato sfidandosi per portare nel proprio Paese la tanto ambita coppa di Campioni d’Europa.

Dopo molte appassionanti partite che hanno lasciato i tifosi con il fiato sospeso, Euro 2021 si è concluso con la vittoria dell’Italia sull’Inghilterra ai rigori, facendo sì che la nazionale azzurra riuscisse finalmente a conquistare la sua seconda vittoria in un campionato europeo.

Le Cinque Nuove Rivelazioni di Euro 2021

Tuttavia, ogni edizione degli europei non è solamente un grande spettacolo dove i campioni affermati possono dare l’ennesima prova della loro qualità tecnica e delle loro intuizioni geniali, ma è anche un ottimo trampolino di lancio per dare notorietà alle giovani promesse del calcio internazionale, ovvero quei giovanissimi giocatori che hanno la possibilità di guadagnare una notorietà che prima gli mancava, oltre che a poter in questo modo far conoscere il proprio talento al grande pubblico e ai club calcistici di ogni Paese.

È proprio su di loro che vogliamo concentrare questo articolo dedicato alle cinque nuove rivelazioni che Euro 2021 ha portato sotto i riflettori per il loro talento. I calciatori di cui parleremo, sebbene non godessero di una grande fama prima dell’inizio del campionato, hanno dimostrato altissime qualità in campo, rivelandosi essere dei veri e propri fuoriclasse del calcio a livello internazionale.

Pedri (Pedro González López)

Le Cinque Nuove Rivelazioni di Euro 2021: Pedri

Il primo giocatore a cui ci dedicheremo in questo articolo è lo spagnolo Pedri. Questo straordinario talento di soli 18 anni non solo sta già giocando come attaccante o centrocampista nel Barcellona, ma ha anche vinto il premio come miglior giovane del torneo a Euro 2021, succedendo a Renato Sanches del Portogallo.

Classe 2002, Pedri, nato a Tegueste nelle isole Canarie, ha iniziato la sua carriera giocando a calcio nelle squadre locali, prima di essere scoperto dal settore giovanile del Las Palmas nel 2018. I buoni risultati ottenuti durante le sue prestazioni hanno presto convinto il Barcellona, uno dei club più importanti in Spagna, ad acquistarlo per cinque milioni di euro, lasciando che però il calciatore concludesse in prestito la stagione. Quell’anno, a fine campionato, Pedri poteva già contare su trentasei presenze e quattro reti segnate nel Las Palmas. A giugno del 2020, Pedri arriva nel Barcellona e il club lo conferma subito nella rosa della prima squadra, pronta ad affrontare la stagione 2020/2021 con lui fra i ranghi. L’esordio nella Liga arriva il 27 settembre, quando a soli 17 anni Pedri entra in campo nella ripresa contro il Villarreal, incontro vinto dal Barcellona per 4-0. Il suo primo gol con la maglia del club arriva poco più di un mese dopo, nella partita vinta per 5-2 contro il Real Betis. La stagione per Pedri si conclude poi con trentasette presenze e quattro gol.

Per quanto riguarda invece la nazionale spagnola, Pedri fu convocato prima nell’under 21, e poi nella nazionale maggiore a marzo 2021 per disputare nella partita contro la Grecia che si concluse per 1-1.

Durante questo campionato europeo, Pedri è stato davvero una rivelazione, stupendo chi non lo seguiva grazie alla sua abilità di essere padrone del centrocampo di una nazionale importante come quella della Spagna.

Mikkel Damsgaard

Oltre che ad essere una rivelazione in tutti i sensi, il giocatore della Danimarca Mikkel Damsgaard è anche tra la Top 10 dei gol più belli segnati in questo europeo per via della punizione mandata in rete contro l’Inghilterra e che ha segnato l’1-1 durante la semifinale del torneo.

Questo giocatore classe 2000, al momento centrocampista della Sampdoria oltre che della nazionale danese, si è subito fatto conoscere per la grande velocità e offensività dimostrate sul campo da gioco, nonché per la sua capacità di ricoprire diversi ruoli per dare una mano ai compagni. Le posizioni in cui può rivelarsi pericoloso abbiamo visto essere quelle di ala, di trequartista e anche come seconda punta. Oltre alla grande versatilità, Damsgaard ha dimostrato di possedere un ottimo controllo del pallone, anche quando deve colpire di prima intenzione.

Per quanto riguarda la sua carriera, Damsgaard è cresciuto nel Nordsjælland, squadra con cui può ora contare cinquantasei presenze totali coronate da dieci reti segnate. Nel 2020, la Sampdoria è riuscita ad aggiudicarsi questo promettente giocatore acquistando il suo cartellino per 6,4 milioni di euro con un contratto di durata fino al 2024. Con la Sampdoria conta al momento trentacinque presenze e due gol, il primo dei quali è arrivato nella partita contro la Lazio, finita con una vittoria per 3-0.

In nazionale invece, Damsgaard ha preso parte nelle categorie Under 18, Under 19 e Under 21, per poi essere convocato nella prima squadra danese. Fu proprio lui a segnare uno dei 4 gol contro la Russia che hanno permesso alla Danimarca di qualificarsi a Euro 2021.

Leonardo Spinazzola

Prima di infortunarsi per via della rottura del tendine di Achille nella partita dei quarti di finale Euro 2021 contro nientemeno che il Belgio, Spinazzola, difensore e centrocampista della nazionale Italiana oltre che della Roma, era sicuramente in lizza per il titolo di miglior giocatore del campionato europeo.

Avendo sfortunatamente dovuto saltare le ultime due partite, ovvero la semifinale contro la Spagna e la finale contro l’Inghilterra, Spinazzola non è riuscito a guadagnarsi il titolo, tuttavia la grande performance di questo straordinario giocatore durante tutte le rimanenti partite è riuscita comunque a fargli ottenere un posto nella Top 11 stilata dalla UEFA.

Nato nel 1993, Leonardo Spinazzola emerge come terzino sinistro con la possibilità di spostarsi anche sulla fascia opposta. Di questo giocatore durante l’europeo sono risaltate specialmente le grandi doti fisiche che lo caratterizzano, ovvero un cambio di passo a dir poco eccellente e la capacità di resistere benissimo agli sforzi. I dribbling effettuati e i doppi passi gli hanno infatti spesso permesso di superare l’avversario senza troppe difficoltà, agevolando in questo modo anche l’azione dei compagni di squadra.

Gli inizi della sua carriera sono le giovanili del Siena e successivamente della Juventus, prima di passare all’Empoli in Serie B, al Lanciano, e nuovamente al Siena. Durante gli anni 2016-2018 Spinazzola si è dimostrato parte integrante dell’Atalanta, contando su ben 48 presenze prima di passare alla Juventus. Attualmente, il giocatore gioca nella Roma e ha finora collezionato 51 presenze e tre gol segnati.

Le Cinque Nuove Rivelazioni di Euro 2021: Leonardo Spinazzola

Denzel Dumfries

Originario di Aruba ma naturalizzato olandese dal 2016, Denzel Dumfries trova un posto nelle cinque rivelazioni degli europei grazie alla grande prestazione vista durante Euro 2021. Dumfires, che di ruolo ufficiale è un difensore, durante la durata del campionato europeo è spesso stato visto come una minaccia costante dalle nazionali che hanno affrontato l’Olanda, specialmente se consideriamo il fatto che questa squadra poteva contare anche su calciatori del calibro di De Ligt e Depay. Nel campionato europeo Dumfries ha messo la sua firma su due reti segnate, di cui una molto importante contro l’Ucraina per confermare la vittoria olandese.

Parlando della sua carriera e delle sue qualità tecniche più marcate, Dumfries, giocatore di venticinque anni, è un difensore di destra decisamente forte fisicamente, nonché abile sia in fase difensiva che in fase offensiva grazie ad assist che spesso facilitano il lavoro degli attaccanti.

Il suo esordio tra i professionisti fu nel 2015 con la maglia dello Sparta Rotterdam, team con cui ha giocato 65 partite e segnato 2 gol. Successivamente fu passato all’Heerenveen nel luglio del 2017 ed infine nel 2018 il suo cartellino fu acquistato dal Philips Sport Vereniging. Al momento, Denzel Dumfries conta 89 presenze e 13 gol con il PSV, e 23 presenze e 2 gol con la maglia della nazionale olandese. Da ricordare inoltre che questo giocatore ha anche giocato nella nazionale dell’Aruba nel 2014, segnando un gol in due partite.

Kalvin Phillips

In seguito alle prestazioni viste durante Euro 2021, e dopo una stagione di successi ottenuta al Leeds, Kalvin Phillips è stato persino rinominato lo ‘Yorkshire Pirlo’ per le giocate e gli assist eseguiti durante il campionato. Tra i giocatori che hanno popolato il centrocampo inglese durante il torneo, Phillips è stato forse quello che è emerso di più, nel senso che è riuscito a dare olio alla squadra, facendola funzionare e mettendola in mostra.

Calciatore di classe 1995, la forte personalità di Kalvin Phillips, coronata da un fisico forte, lo rende un centrocampista di stampo difensivo in grado di trovare una grande esplosività e dar vita in questo modo a grandi giocate di squadra. Sebbene il tiro dalla distanza non è il suo forte, Phillips si è dimostrato in grado di giocare sia come mediano che come difensore centrale in una linea a tre ed è proprio il suo stile di gioco che gli ha guadagnato il soprannome di Yorkshire Pirlo.

La carriera di Phillips ha avuto inizio proprio nella giovanile Leeds, e, dopo essere passato alla prima squadra, ora può contare su ben 194 presenze e 13 gol segnati. Per quanto riguarda la nazionale, Phillips ha finora collezionato 15 presenze con l’Inghilterra e probabilmente ce ne saranno molte altre in futuro.

Giocatori